MERCATI DI GIORNO: UN PRIMO STEP L'INCONTRO A ROMA PROMOSSO DA FEDAGROMERCATI

E’ stato ampiamente partecipato l’incontro che si è tenuto ieri mattina a Roma sul tema dello spostamento diurno delle attività mercatali, promosso da Fedagromercati: l'associazione nazionale di Confcommercio che rappresenta gli operatori grossisti dei Centri agroalimentari e dei mercati all'ingrosso. Per affrontare l’annosa questione, da più parti ritenuta imprescindibile per rilanciare un settore che da anni vive momenti di forte crisi, per la prima volta si sono riuniti attorno ad un unico tavolo tutti i protagonisti della filiera agroalimentare.

Convegno Fedagro

Ad aprire i lavori e fare gli “onori di casa” è stato il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, cui è seguito l’intervento del presidente di Fedagromercati Valentino Di Pisa che ha evidenziato come l’auspicato cambio di orario non possa di certo da solo risolvere tutti i problemi del settore ma debba essere contestualizzato in un processo di rinnovamento e ammodernamento dell’intera struttura logistica e organizzativa dei mercati.

Convegno Fedagro3

Significativa poi la testimonianza portata al tavolo dal direttore del Centro agroalimentare di Roma – nonché presidente di ItalMercati – Fabio Massimo Pallottini. Il CAR, infatti, è l’unico mercato all’ingrosso italiano che al momento presenta un trend positivo in termini di volumi di merce, persone occupate e fatturato, e ciò, probabilmente, anche perché si tratta dell’unico Centro agroalimentare ad aver avviato ormai da tempo l’orario diurno. Non si è trattato, tuttavia, di un passaggio semplice o immediato. Il lento  processo che ha portato all’attuale stabilizzazione è stato accompagnato – ha ricordato proprio Pallottini – da otto scioperi e molte agitazioni. Del resto, che ci siano ancora forti titubanze sull’argomento, è emerso anche ieri negli interventi di Donatella Prampolini, presidente della Fida (l’associazione che rappresenta i venditori al dettaglio) e di Giacomo Errico, presidente della Fiva (l’associazione dei venditori ambulanti). Entrambi hanno sottolineato l’impatto e le difficoltà che un cambio di questo genere potrebbe avere per le piccole attività commerciali per le quali, data l’esiguità del personale, la possibilità di rifornirsi di notte è ritenuta fondamentale per riuscire a lavorare di giorno.

Convegno Fedagro2

Insomma, quello di ieri si può considerare un primo, piccolo – anche se significativo – step. Seguiranno molti altri incontri ma per il momento il mondo dei Mercati all’ingrosso e la Grande distribuzione organizzata incassano l’impegno del Ministero per le Politiche agricole, agroalimentari e forestali a divenire un interlocutore fisso di tutti i tavoli che interesseranno le relative filiere. Come dire che chi ben comincia….